You are here: Home » Cinema » I mille volti di Christian Bale

I mille volti di Christian Bale

Da Spielberg ad Enzo Ferrari

Bale e il mondo del cinema, un rapporto consolidato

Nato il 30 gennaio 1974, Christian Bale è ormai considerato, da anni, uno degli attori più apprezzati sia dalla critica che dal pubblico. Molti lo ricordano per il ruolo di Batman interpretato nelle ultime 3 pellicole dedicate all’uomo pipistrello, ma sono molti i film nei quali ha recitato un ruolo da protagonista, fin dal 1987. Quell’anno, infatti, è stato Steven Spielberg a sceglierlo per “L’impero del sole”, un colossal acclamato in tutto il mondo.

È sufficiente ricordare l’Oscar ottenuto per “The Fighter” per avere conferma delle sue doti. Nel mese di agosto 2015 è arrivata la conferma che Bale è stato scelto per interpretare Enzo Ferrari nella pellicola che Michael Mann dedicherà all’uomo che ha portato Maranello in cima al mondo. Il film sarà ambientato negli anni ’50 e non parlerà solo del Ferrari imprenditore, ma anche della parte della sua vita da pilota.

Per quanto riguarda le riprese, non è stata ancora resa nota la data di uscita al cinema; si vocifera, comunque, che quest’ultima avverrà nel 2016. Non è la prima volta che il patron della Ferrari viene interpretato all’interno di un film; era già accaduto in “Grand Prix”, che aveva visto alla regia “John Frankenheimer”.

Le mille trasformazioni di Christian Bale

Non solo Batman

Christian Bale ha conquistato il cuore del pubblico e l’approvazione della critica grazie alla sua straordinaria capacità di trasformarsi fisicamente in base al ruolo da interpretare. In particolare, sono divenute famose le sue variazioni di peso, che confermano la serietà dell’attore per quello che è divenuto il suo lavoro.trasformazioni di Christian Bale

Tra i film più importanti della sua carriera rientra sicuramente il secondo Batman interpretato, “Il cavaliere oscuro”, che lo vede recitare al fianco di Heath Ledger, morto pochi mesi prima che la pellicola giungesse nelle sale. Grazie alle sue capacità recitative, l’eroe mascherato è risultato più umano e complesso di come, i film usciti anni prima, lo avevano dipinto.

Qualche anno prima, esattamente nel 2004, ad aver attirato e sconvolto il pubblico che ha visto “L’uomo senza sonno” è stato il grande dimagrimento al quale Christian Bale è stato sottoposto.

Diversi ruoli, un solo comune denominatore: il successo

Christian Bale e le diete

La trama dell’uomo senza sonno ha visto l’attore recitare la parte di un operaio, tale Trevor Reznik, che a causa di una grave forma di insonnia non riusciva a dormire da oltre un anno. In soli 4 mesi Bale è riuscito a diminuire di 27 kg, affidandosi ad una dieta estrema che prevedeva unicamente caffè e una mela al giorno, tanto da rappresentare un vero e proprio record nella storia del cinema.

Ancora più incredibile è il fatto che, solo l’anno successivo, lo stesso Bale fu costretto ad aumentare di 30 kg per riuscire a girare Batman. Un film di Christian Bale che, nel tempo, è diventato un vero e proprio oggetto di culto, è stato American Psycho, uscito nel 2000.

Si è trattato della versione cinematografica del romanzo scritto da Bret Easton Ellis. Il protagonista, Patrick Bateman, era un banchiere di giorno ed un efferato killer psicopatico di notte. Si è trattato di una pellicola che aveva come fine quello di criticare la finanza degli anni ’80. Non può essere dimenticato, infine, “The Prestige”, film che ha visto l’attore trasformarsi in un abile illusionista.