You are here: Home » Televisione » Le serie tv sono giovani: in treno o al pc? La tv è superata?

Le serie tv sono giovani: in treno o al pc? La tv è superata?

Nella televisione di oggi le serie tv hanno un ruolo sempre più importante. Per serie tv intendiamo una serie di episodi che vanno a raccontare un determinato evento, che tiene collegati i vari episodi, spesso articolati in diverse stagioni. Nei palinsesti sono presenti serie televisive italiane e americane. Tra i generi di serie tv quelli più diffusi sono i drama, i comedy, i polizieschi e i soap. Il genere drammatico racconta eventi molto speso accaduti nella realtà, o che comunque si avvicinano molto. Il genere della commedia invece è un genere di serie tv scorrevole, molto gustosa da vedere, che assume dei contorni di comicità. La soap invece va a raccontare di solito storie d’amori e di inganni, che si intrecciano in continuazione, e infine il genere poliziesco parla di casi polizieschi di tutti i tipi. Questa guida vuole illustrare le più importanti serie tv italiane e americane che sono state trasmesse, o si trasmettono nel nostro paese, e darne una breve descrizione.

Chi guarda le serie tv? Soprattutto i giovani e su internet

serie tv al computerSpesso si sente nei dibattiti in tv il de profundis della tv generalista che secondi molti critici sarebbe in netta crisi, presa ormai come bersaglio di critiche in quanto superata e costruita su un pubblico poco evoluto. Dall’altra parte invece il fenomeno serie tv che è invece agli antipodi. Le serie televisive sono principalmente viste da un pubblico giovane, fortemente critico, mai fermo e passivo, sempre volitivo e capace di leggere dettagli impossibili da cogliere nel low profile della tv generalista. Non basta: è cambiata la modalità di fruizione delle serie tv. Dai tempi in cui la famiglia si riuniva sul divano per guardare la piovra di tempo ne è passato, ora non è più la tv il fuoco sacro, le serie si guardano in streaming e su più device dallo schermo di un computer, a quello di un-ipad.
Questo perché molti di loro le guardano senza attendere l’uscita in Italia, che spesso arriva per altro sui canali a pagamento, forti di un livello di inglese decisamente più alto rispetto agli anni scorsi che si avvale dei sottototitoli. Da soli sui mezzi di trasporto con cuffiette, oppure anche in casa prima di andare a dormire: anche i momenti della fruizione sono diversi, anche se a vincere è la modalità in solitaria dettata spesso dalla mobilità.

Ma le serie in tv classiche resistono…

Nonostante questo la fruizione televisiva resiste, su fette di di pubblico lievemente più adulto o con serie tv che rievocano i fasti della fiction italiana, ecco quindi che di successi nostrani l’auditel ne ha censiti. Aldilà della soap ci sono state delle produzioni italiane, che hanno ricalcato l’american drama, è il caso di Gomorra, altre invece che hanno scelto volontariamente un profilo diverso, molto più made in italy è autentico. Vediamo quali.

Serie tv italiane: quelle più seguite negli ultimi anni in tv

Sono state tantissime le serie tv italiane che in questi anni hanno avuto un’enorme successo. Ecco l’elenco e la descrizione delle cinque più seguite dai fan.

  • Gomorra: si tratta di una serie televisiva che ha descritto il libro di Roberto Saviano, e ha raccontato le imprese criminali della famiglia Savastano, raccontando tutte le dinamiche che fanno parte del mondo della camorra. Questa serie ha avuto un enorme successo, riscuotendo tantissimi fan sia su Sky che su Rai 3.
  • Le tre rose di Eva: questa serie tv è arrivata alla sua terza edizione, e appassiona milioni di spettatori ormai da diversi anni. L’edizione che stanno trasmettendo quest’anno in particolare ha visto la drammatica morte della principale protagonista, Aurora, e si cercheranno di risolvere tutti i misteri che si nascondono dietro questo assassinio.
  • Don Matteo: la serie tv che vede protagonista Terence Hill nel ruolo del prete che risolve ogni indagine, nel corso degli anni ha catturato di milioni di persone, che guardano questa serie non solo per i casi investigativi che coinvolgono il parroco, ma anche per le riflessioni che riesce a suscitare con le sue parole.
  • Braccialetti rossi: vengono raccontate le storie di diversi ragazzi affetti da malattie più o meno gravi, che affrontano con il sorriso e con la forza dell’amicizia tutte le difficoltà che si presentano.
  • Squadra antimafia 6: questa serie tv racconta l’evoluzione della mafia in questi anni, e come lo Stato deve affrontarla dovendo avere a che fare con pezzi dello Stato che trattano con i mafiosi. Affascinante è l’interpretazione di Marco Bocci nel ruolo di Domenico Calcaterra, che cercherà di arrestare De Silva, l’ex agente dei servizi segreti che cercherà di mettere a contatto politica e clan mafiosi per i suoi loschi affari.

Quest’anno nel nostro panorama televisivo sono arrivate anche tante serie tv americane che hanno avuto un enorme successo, alcune sono state trasmesse solo su tv a pagamento, altre in chiaro. Ecco quelle più affascinanti e che hanno avuto maggiore impatto.

Le serie tv americane più seguite dell’anno in Italia

Abbiamo chiesto inoltre al pubblico più giovane quali fossero le serie che nell’ultimo avessero preferito rispetto ad altre tra quelle in arrivo dall’America. Sono tante le serie tv americane che hanno sfondato in Italia, ma la scelta è ricaduta su due.

  1. House of Cards: questa serie tv si caratterizza per la presenza di attori importanti come Kevin Spacey, e riesce a mostrare con straordinaria brillantezza e cinismo tutto l’enorme gioco di potere che si nasconde dietro la politica americana, e i terribili compromessi che bisogna raggiungere per mantenere il posto di comando.
  2. Gotham: questa serie tv vede la presenza nel cast di un bravissimo attore come Benjamin McKenzie, che cercherà di sconfiggere super criminali di Gotham City come il Pinguino, che anni dopo diventeranno i principali avversari di Batman, che in questa serie è ancora un bambino. Di questa serie è affascinante la figura interpretata da McKenzie, un detective che cerca di combattere le ingiustizie contro avversari molto più forti di lui.